page contents

Cristoforo Colombo- 1990 - Orizzonte degli Introvabili - Oggetti unici, particolari e....tanto altro

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Cristoforo Colombo- 1990

 
 
 
 
 

Ritratto postumo di Cristoforo Colombo eseguito da Sebastiano del Piombo, 1519

 
 

“V° CENTENARIO DELLA SCOPERTA DELL’AMERICA”


Cristoforo Colombo, venuto ben presto a contatto col geografo fiorentino Paolo Del Pozzo Toscanelli ed avendo ereditato dal navigatore portoghese Perestrello alcune mappe e relazioni sui viaggi da lui compiuti, nel 1477 giunse in Portogallo, ma non essendo riuscito ad interessare il Re Giovanni II° ai suoi progetti di raggiungere le Indie navigando verso occidente, passò in Spagna, dove ebbe dai Sovrani, Ferdinando ed Isabella di Castiglia, l’autorizzazione a formare una flotta di tre caravelle:  la Nina, la Pinta e la Santa Maria.
Con la sua gran conoscenza del mare, avvalendosi della strumetazione dell’epoca – la sfera armillare, la rosa dei venti e l’astrolabio – e, soprattutto grazie ad una ferrea volontà di perseguire obiettivi prefissati, potè realizzare un sogno che sembrava impossibile: la scoperta dell’America.
Il compito, non troppo agevole, di organizzare la spedizione fu soprattutto assolto dai fratelli Pinzon, ricchi ed esperti armatori di Palos, la cui opera riuscì specialmente preziosa per la formazione dell’equipaggio.
Due navi furono armate dalla città di Palos e l’altra dagli stessi Pinzon: nave capitana la Santa Maria, di duecento tonnellate; le altre due, la Pinta di centoquaranta e la Nina, di poco più di cento tonnellate.
La grandezza di Cristoforo Colombo sta nell’aver concepito per primo un tal piano, nell’averlo così ostinatamente difeso e nell’aver tentato con audacia sovrumana di attuarlo, riuscendo, è vero, a risultati riconosciuti poi diversi da quelli presunti, ma sempre di un’importanza gigantesca, superiore a quella di qualsiasi altro fatto della storia.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu